33 cuscini Paolo Rizzatto

Ma quanti cuscini servono a fare un divano? 33, risponderebbe Paolo Rizzatto! Ma attenzione questi 33 cuscini costruiscono il divano, non lo accessoriano. Metaforicamente parlando, l’imbottito torna all’origine del suo percorso evolutivo quando altro non era che una serie di cuscini appoggiati per terra o su una panca. Il designer “blocca” i cuscini, li rende “strutturali” e inventa così una nuova forma di macro capitonné ove ogni singolo modulo conserva una precisa identità.

caratteristiche

Struttura in acciaio, piedi in acciaio curvato, imbottitura in schiume poliuretaniche. Rivestimento sfoderabile in velluto in vari toni del rosso, del blu e del grigio.

dimensioni

Divano: L. 235 P. 95 H. 92; seduta H. 37

Pouf: L. 105 P. 105 H. 45

Divano: L. 235 P. 95 H. 92; seduta H. 37

Pouf: L. 105 P. 105 H. 45

Struttura in acciaio, piedi in acciaio curvato, imbottitura in schiume poliuretaniche. Rivestimento sfoderabile in velluto in vari toni del rosso, del blu e del grigio.

Paolo Rizzatto
Paolo Rizzatto

Paolo Rizzatto, nato a Milano nel 1941, laureato in Architettura al Politecnico di Milano nel 1965. Nel suo studio milanese lavora come libero professionista nel campo dell’architettura, dell’interior design e del design. Nel 1978 ha fondato con Riccardo Sarfatti la società Luceplan. Ha disegnato per diverse società italiane e straniere: Alias, Arteluce, Artemide, Cassina, Danese, Driade, Fiam, Flos, Guzzini, Knoll, Kartell, Lensvelt, Luceplan, Molteni, Montina, Nemo, Philips, Poltrona Frau, Segis, Serralunga, Thonet, Veneta Cucine. Ha tenuto corsi e conferenze in vari Istituti Universitari: Columbia University a NewYork, Politecnico di Milano, Cranbrook Center a Detroit, Washington University a Saint Louis, Architecture Institute in Moscou, Università degli Studi di Palermo, IUAV a Venezia. I suoi lavori sono stati pubblicati in riviste, cataloghi e pubblicazioni in Italia e all’estero, i suoi progetti sono stati presentati a seminari, esposizioni di architettura e di design e sono inclusi nelle collezioni permanenti di numerosi musei e fondazioni: Triennale di Milano, Museum of Modern Art a New York, Victoria and Albert Museum a Londra, Museo della Scienza e della Tecnica a Milano, Musée des Arts Decoratifs a Parigi. Ha ricevuto numerosi premi, fra cui si possono ricordare: Cinque Premi “Compasso d’oro” 1981, 1989, 1995, 2008 e 2011 La Lampe d’Argent Sil / Parigi 1988 Forum Design Cosmit / Milano 1988 La Lampe d’Or Sil / Parigi 1990 “Design Plus” design / Francoforte 1992 e 2006 Design Plus Ambiente / Francoforte 1992 Product Award Lighting Fair / New York 1992 European Community Design Prize / Amsterdam 1994 Red Dot Award Design Innovations / Essen 1994 e 2010 Industrie Forum Design Prize / Hannover 1996 Good Design Award Chicago Athenaeum Museum / Chicago 1999 e 2010 Swiatlo ’99 / Varsavia 1999 Progetto vincitore del Concorso Internazionale di progettazione per la “Darsena di Milano” / 2004 “Light of de Future” Energy saving sources / Francoforte 2006 Premio dei Premi per l’Innovazione / Roma 2011